Raccolta di racconti, Recensione

LA GRAMMATICA DI DIO, Stefano Benni

Recensione di “La grammatica di Dio – Storie di solitudine e allegria”

Autore: Stefano Benni

Genere: raccolta di racconti (25 racconti)

Pagine: 182

Casa editrice: Feltrinelli

Prima pubblicazione: 2007

Gradimento personale: ⭐️⭐️,5/5

Erano volti umani. Bei volti di vecchi rugosi, occhi brillanti di bambini, donne dal passo elegante, ma nessuno avvicinava ciò che cercavo. Erano il libro del mondo, ma non potevano raccontarlo. Nessuno di loro poteva spiegarmi la grammatica di Dio

Dal racconto “Frate Zitto”, pag. 115

“La grammatica di Dio” è una raccolta che mi ha lasciata abbastanza perplessa sotto più aspetti e che nel complesso ho trovato mediocre.

Alcuni racconti (forse la maggior parte) mi hanno veramente annoiata: ho trovato riproponessero tematiche già trattate da Benni in altri suoi libri, ma senza il medesimo smalto. Altri racconti ancora inizialmente mi avevano incuriosità, ma alla fine anche loro si sono rivelati piatti e inconsistenti.

Sono stati pochi i racconti che mi sono piaciuti davvero, storie come: Boomerang, Mai più solo, L’orco, Le lacrime, Lo spirito del camino e I due pescatori. In questi testi ho trovato originalità e capacità d’incuriosire il lettore dall’inizio alla fine… peccato non poter dire lo stesso degli altri 18 racconti.

In generale direi che questa raccolta è abbastanza mediocre, noiosetta e neutra: non spicca nè per particolari difetti nè per pregi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...